Punti Neri: come si formano, rimedi naturali e prodotti per combatterli

punti neri

Quali sono le cause dei punti neri, come si formano e quali sono i rimedi più efficaci, per avere una pelle naturalmente liscia e sempre tonica.

I punti neri sono sicuramente il tallone d’Achille di quasi tutte le donne.  Dalla pubertà in poi in maniera più o meno ciclica si presenta questo odiato, anzi odiatissimo inestetismo cutaneo.   Al contrario dell’acne, che le più fortunate possono scampare al “supplizio” dei brufoli, nessuna trova scampo dai punti neri. Quella ai punti neri, o comedoni è una vera e propria guerra! Ma come si eliminano?? In primis bisogna capirne la natura, le cause della loro formazione e i migliori rimedi per poterli “estirpare”.

punti neri

 

Punti neri: cosa sono?

I punti neri sono delle impurità cutanee che derivano dalla dilatazione e dall’apertura dei punti bianchi o comedoni chiusi.  Si presentano generalmente sulla cute particolarmente ricca di ghiandole sebacee capace di produrre accumuli di sebo, cheratina e talvolta microrganismi all’interno dei follicoli piliferi. Quando questi comedoni bianchi si riempiono troppo alla fine esplodono e l’ossidazione dei lipidi  che fuoriescono danno vita alla tipica colorazione  scura dei punti neri. Fra le cause della loro formazione c’è ovviamente una cattiva pulizia del derma: una pessima/assente beauty routine può favorire la formazione de comedoni; infatti lo sporco e  quindi l’occlusione dei pori cutanei ne favoriscono la comparsa.  Anche una cattiva alimentazione ipercalorica e ricca di grassi influisce sulla loro formazione. Ovviamente i punti neri sono un tipico inestetismo della pubertà legato all’aumento della sintesi di ormoni sessuali. Fra questi il testosterone ed i suoi metaboliti stimolano l’attività delle ghiandole sebacee.

 

La conseguenza? La cute  è più oleosa ed i follicoli propensi all’ostruzione per accumulo di sebo. E’ facile intuire quindi che i comedoni  sono manifestazioni tipiche della seborrea, una disfunzione delle ghiandole sebacee che porta ad una sovrapproduzione del loro secreto. L’eccesso di sebo quindi dà origine ai comedoni. Ma un’altra causa della loro formazione è anche l’uso di  alcuni cosmetici, come trucchi e creme grasse ed oleose. Per questo, è molto importante rimuovere tali prodotti, sempre e comunque, prima di andare a dormire!

Dove si formano principalmente?  Le zone del viso dove è più facile che si vengano a formare  è certamente la zona T. In primis il naso, ahimè è una delle parti più grasse del viso, ergo terreno fertile per comedoni.  Le case cosmetiche e farmaceutiche, capendo l’entità del problema hanno ideato i “cerottini”, che applicati sul naso sono in grado di rimuovere una buona % di punti neri e dilatano i pori permettendo l’eliminazione dei rimanente con una leggera pressione. Ovviamente l’efficacia dipende dal tipo che si sceglie.

punti neri

Di grande aiuto sono le maschere ad azione peel off; ovviamente vanno  applicata dopo  un’accurata detersione e anche a un leggero passaggio di vapore che apre i pori e quindi va a favorire il trattamento. Oltre al naso le altre zone prese di mira da comedoni sono fronte e mento. Anche queste due aree non a caso presentano un’alta concentrazione di sebo, e risultano spesso lucide.  Come per il naso, anche per queste due zone è consigliabile una maschera peel off. Ma anche un leggero scrub per preparare bene la pelle.   Fra i rimedi “naturali”, molto utile è  la maschera viso all’argilla verde: è  un valido aiuto nella lotta ai punti neri. L’argilla possiede numerose proprietà antisettiche e purificanti nei confronti della pelle e, allo stesso tempo, di proprietà esfolianti.

punti neri

Poi ci sono molte “ricette fai date”, ma attenzione! Certi consigli sono da prendere con le pinze! Infatti, anche se nelle “ricette fai da te” si impiegano ingredienti apparentemente innocui, se non vengono usati in maniera corretta  i risultati ottenuti potrebbero essere del tutto controproducenti. Nei casi peggiori portano a irritazioni e sensibilizzazione della pelle, con conseguente infiammazione. Fra gli errori maggiori che si fanno è certamente la spremitura manuale. Il viso è un’area delicata è l’eliminazione manuale o con l’aiuto di appositi ferretti può causare microlesioni che tendono a peggiorare ancora di più la situazione.

Rimedi efficaci per rimuoverli senza  schiacciare i punti neri  sono:

  • L’uso di farmaci ad uso topico: devono essere prescritti da un dermatologo esperto dopo un’apposita visita medica.
  • I peeling: sono trattamenti  che hanno lo scopo di rimuovere le cellule morte superficiali liberando i pori e favorendo allo stesso tempo la rigenerazione cellulare. Vengono effettuati applicando sulla cute dei prodotti specifici spesso aggressivi, pertanto è opportuno effettuarli con cautela, affidandosi alle mani di personale esperto.

punti neri

 

Quali sono gli step quotidiani da fare per contrastare i punti neri?

E’ fondamentale la prevenzione quotidiana: in primo piano la perfetta detersione della pelle eliminando le impurità che si sedimentano su di essa. Questo step va fatto mattina e sera per rimuovere tutte le tracce di trucco, smog e polvere. L’ideale sono detergenti non aggressivi, da sciacquare poi con acqua tiepida. A questo proposito Caracalla Cosmetici viene in soccorso nella lotta ai punti neri con dei prodotti che se utilizzati giornalmente  aiutano a combatterne la formazione. Primo fra tutti il Latte Detergente Viso-per pelli delicate e sensibili- con Aloe Vera. Ha una formulazione unica che  permette  di contrastare  in maniera efficace le impurità e gli agenti inquinanti di tutti i giorni, causati da stress e smog, detergendo e struccando senza aggredire la pelle.

Poi dopo aver asciugato delicatamente il viso  è consigliabile un tonico astringente con un batuffolo di cotone. Per favorire la chiusura dei pori. Una volta terminato, si passa all’ idratazione della pelle con una crema viso non grassa. Oltre alla pulizia è fondamentale la corretta alimentazione, povera di grassi e zuccheri!

 

 

.

Lascia un commento